Scade il 30 giugno il termine ultimo per la PEC

Sei in regola con la PEC? Hai già comunicato il tuo indirizzo PEC al Registro Imprese?

A Novembre 2011 è scaduto il termine entro il quale tutte le Aziende avrebbero dovuto dotarsi di una casella di Posta Elettronica Certificata e darne comunicazione al Registro delle Imprese.

Se non hai ancora provveduto, potrai farlo entro il 30 Giugno senza incorrere nell’applicazione delle sanzioni previste dalla legge.

Con Yepa mettersi in regola è semplice e veloce. Vai su http://pec.yepa.com e segui il processo di registrazione per attivare la casella PEC.

Non aspettare, hai tempo fino al 30/06/2012.

Per tutti i dettagli vai su http://pec.yepa.com oppure contattaci a info@yepa.com o al +39-06-3611770.

Arriva Yepa PEC

Dal 29 novembre 2011 ogni azienda o professionista italiano deve avere una casella di Posta Elettronica Certificata PEC. La PEC sostituirá la raccomandata cartacea, e ne avrá lo stesso valore legale.

Yepa PEC è la Posta Elettronica Certificata fornita da Yepa in partnership con Legalmail.

Puoi accedere a Yepa PEC, oltre che dal computer, dal tuo iPhone, dal tuo smartphone Android o BlackBerry o da un qualunque tablet. Riceverai un SMS di notifica tutte le volte che ci sono nuove PEC da consultare e avrai a disposizione 1 GB di spazio disco piú 1 GB di Archivio di Sicurezza.

Yepa PEC costa solo 2,09 euro al mese.

Attiva subito Yepa PEC su http://manage.yepa.com

Per tutti i dettagli vai su http://pec.yepa.com

Cosa sono i Captcha, a cosa servono e che effetto hanno sulle conversioni

I Captcha sono quei caratteri che molte FORM chiedono agli utenti d’inserire per dimostrare di essere umani. Esempio di Google

I CAPTCHA servono ad evitare una forma nuova di Spam: il riempimento automatico di FORM da parte di Server di Spam  che riescono così a diffondere i propri messaggi.
La sigla CAPTCHA sta per “completely automated public Turing test to tell computers and humans apart“. Ovvero “Test di Turing pubblico completamente automatizzato per distinguere Computer da umani”.

Seomoz.com ha effettuato alcuni interessanti esperimenti attivando e disattivando i CAPTCHA su 50 siti. Questi esperimenti hanno evidenziato due effetti interessanti, anche se prevedibili:

  1. inserire i CAPTCHA ha ridotto del 90% lo SPAM
  2. l’uso dei CAPTCHA ha diminuito le conversioni del 3%

Un altro fatto  interessante è emerso dai commenti all’esperimento: alcuni utenti non riescono a visualizzare i CAPTCHA quando navigano con i cellulari.

Dall’esperimento si possono trarre interessanti conclusioni:

  • Se, come avviene nei siti Ecommerce, le conversioni portano soldi, allora conviene non inserire CAPTCHA, a meno che il costo del lavoro di pulizia dello SPAM sia nettamente superiore al mancato guadagno.
  • Se un sito che accetta commenti è bombardato da commenti di SPAM, allora il CAPTCHA è una buona soluzione per ridurre il fenomeno.
  • Se si decide di utilizzare i CAPTCHA, allora bisogna verificare il loro funzionamento su cellulari e smartphone.

L’autore dell’esperimento ha proposto un’interessante soluzione da smanettoni per cercare d’ingannare gli spammer : un CAPTCHA reso trasparente con i css che abbia come risultato giusto un campo vuoto.

Cosa sono le Conversioni? Perchè sono la base del Web Marketing?

L’obiettivo principale del Web Marketing è la “Conversione”.

La conversione è l’azione che il titolare di un documento web desidera che l’utente compia una volta giunto sulle sue pagine. La conversione può essere una richiesta informazioni, l’iscrizione ad un servizio o un acquisto. L’essenziale è che la conversione lasci una traccia di dati misurabili.

Ad esempio, per il sito http://www.yepa.com . La conversione consiste nell’acquisto da parte dell’utente di un Servizio Yepa Dedicate Hosting.

Per altri siti la conversione può consistere nello scaricamento di un pacchetto software o di un documento pdf.

Più spesso la conversione consiste nel riempimento di una Form da parte di un utente.

Quando si decide l’investimento in una campagna di Marketing, bisogna immediatamente definire:

Continua a leggere

6.01 di domani mattina: comincia la corsa a domini Facebook

Alle 00.01 ora di New York Facebook consentirà ai propri utenti di registrare domini tipo facebook.com/nomeutente

Si teme una corsa all’accaparramento di nomi pregiati e di marchi aziendali.

Facebook ha previsto la possibilità di riempire una Form per la prenotazione dei marchi registrati:
Si chiama  “Preventing the Registration of a Username”, ovvero “Impedire la registrazione di un nome utente”  In questa Form puoi inserire:

  • il nome della tua azienda
  • i tuoi marchi

Perchè 30 mesi dall’ultimo articolo? Perchè su Internet i flussi informativi s’interrompono così spesso?

Non è facile rispondere a questa semplice domanda, soprattutto se a rispondere è uno dei principali responsabili di questa lunga interruzione.
Questa pausa è dovuta ad una serie di cause che è interessante esplorare per tre buoni motivi:

  1. Cercare di evitare future interruzioni
  2. Provare a generalizzare per comprendere perché su Internet è così frequente che siti vivaci finiscano per rimanere tristemente fermi a contenuti vecchi di anni
  3. Studiare possibili contromisure tecnologiche o procedurali per fare in modo che i flussi d’informazione siano continuativi e più uniformi

… Ma sto tergiversando… per evitare il punto dolente…

Perchè l’interruzione di 30 mesi?

Continua a leggere

Domini .cn – anche la Cina liberalizza le registrazioni

La crescente espansione economica della Cina non si limita ai soli mercati tradizionali. L’importanza degli spazi telematici, infatti, sembra essere dimostrata dalle statistiche che vedono la popolazione cinese seconda solo agli USA per numero di utenti (fonte: Nielsen/NetRating). Proprio questa considerazione per
il mercato Internet, ha portato alla liberalizzazione dei domini .cn.

Continua a leggere